EDUCAZIONE CITTADINANZA RETE VITA

 

Il corso di Educazione alla Cittadinanza... nella Rete della Vita, on line, è destinato a tutti coloro che vogliono acquisire conoscenze per costruire nuove attitudini intese a sviluppare e rafforzare la propria identità, migliorare la qualità della Vita, in una prospettiva culturale coerente con la visione sistemica della Natura e della nostra Vita. Il corso, finalizzato a enucleare attitudini di crescita in una prospettiva armonica con la collettività, vuole offrire un contributo riflessivo ai genitori, ai pedagogisti, agli insegnanti, agli studenti, a coloro che si occupano di educazione alla cittadinanza, a coloro che progettano politiche educative e sociali... a tutti coloro che si occupano di se stessi. Il corso on line è accessibile gratuitamente. In questa pagina, riportiamo tutti i moduli del corso.

PRIMA PARTE

Modulo 1. Premessa storica. Riflessioni sull'evoluzione storica delle idee laiche di solidarietà e fraternità.

 



Modulo 2. Riflessioni sulle comuni radici dei diversi progetti di riforma della società. Dal Millenarismo e utopismo alla via della trasformazione interiore. Il nostro attuale travaglio ...

 



SECONDA PARTE

Modulo 3. L’appello della cultura, nell’era della globalizzazione e delle interdipendenze, al valore di cooperazione fraterna indispensabile anche per garantire la libertà e l'uguaglianza.


TERZA PARTE

Modulo 4. Il nuovo senso civico dello stare insieme in collettività. Il contributo della scienza sulla idea di società quale sistema vivente, sui legami di unità che esistono tra gli esseri umani e la Natura.



Modulo 5. Cooperare significa soprattutto “aiutare l’altro a fare ciò che dovrebbe”, risvegliandone il senso della Dignità. La fraternità non è accettazione passiva...



Modulo 6. Perché il nostro “Io” si oppone agli interessi collettivi? Vi sono remore di ordine interiore...



Modulo 7. La nostra scelta avanti al bivio: dobbiamo decidere la natura che noi vogliamo esprimere, il nostro sé limitato ed egocentrico oppure il Sé cooperatore ed empatico...



Modulo 8. Il ruolo della coscienza e del modo di vivere per il cambiamento. Per poter essere comunicate, e spesso anche per poter essere perfezionate, le idee devono passare per la coscienza ...

clicca sul testo

1. Il ruolo della coscienza ai fini del cambiamento comportamentale e civico 2. Identificarsi con il proprio Sé cooperatore nell’interpretare la Vita 3. Perché ampliare la propria coscienza: dalla coscienza di se stessi alla coscienza fraterna 4. Come ampliare la coscienza: la rilevanza cognitiva del modo di vivere, del modo di pensare, di sentire, di nutrirsi, di amare



Modulo 9. La moralità della vita vissuta condiziona i processi cognitivi. L'importanza della applicazione e sperimentazione dei valori ai fini della piena comprensione...



Modulo 10. Gli apporti cognitivi dell’intelligenza del cuore. L’intelletto “rischia di non sapere e di non vedere se elimina le emozioni che illuminano la ragione di interiorità... "



Modulo 11. Occorre superare il distacco tra cultura e modo di vivere: la cultura deve supportare non solo la speculazione intellettuale sul valore ma la ricerca della realizzazione del valore...



QUARTA PARTE

Modulo 11 bis. Ripensare le basi concettuali dell’educazione alla cittadinanza. Alle radici della questione morale...



QUINTA PARTE
Modulo 12. Mappa di attitudini significative in coerenza con la visione sistemica della Vita e della Natura

“C’è una rete della vita che unisce la vita interiore, la vita biologica, la vita sociale, la vita culturale…Questa trama invisibile va studiata, compresa e amata”

“Se l’ideale è come una mappa… l’ideale del perfezionamento individuale nella prospettiva della fraternità universale esprime la mappa più estesa, più ricca di percorsi cioè di potenzialità cognitive ed emotive”

“Il dipanarsi della vita è oggettivamente condizionato dalle intenzioni, cioè dalle finalità che ciascuno si autoprefigge in quanto queste ultime dànno senso alla nostra interpretazione del mondo, al nostro ruolo nel mondo”

Gli esseri umani sono predisposti a essere empatici, a identificare quello che provano gli altri, a condividere i loro sentimenti con un’emozione corrispondente, ad accogliere le loro gioie e i loro dolori

Se non ci disperdiamo in attività che ci indeboliscono, scopriamo che è proprio nelle azioni più semplici e più quotidiane che la vita ha nascosto i suoi veri tesori. Respirare, nutrirsi, camminare, aprire gli occhi sulla natura, amare, pensare... Ecco i veri doni della vita”

"L’organismo fisico che vive bene, in armonia… favorisce i processi cognitivi e agevola la generazione in noi di immagini mentali altamente benefiche le quali agiscono a loro volta favorevolmente sui nostri comportamenti”

“Ogni vita richiede una scienza: la vita della pianta che vuoi coltivare... la tua stessa vita che devi sviluppare. Per vivere, bisogna saper vivere”

“Una comunità che non sa esprimere e valorizzare le attitudini cooperative è più povera di capitale sociale e civile e avrà maggiori difficoltà ad attivare circoli virtuosi di sviluppo”

“Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento, tormento di non averlo, tormento di fare un lavoro che non serva e non giovi a un nobile scopo”

“Non si tratta soltanto di adottare stili di vita improntati alla sobrietà ma di aprire la nostra coscienza, nel quotidiano, agli interessi sensibili della Rete della Vita… dalla crescita quantitativa dobbiamo arrivare alla crescita qualitativa”

 

“Non possiamo essere affidabili verso la collettività se siamo schiavi di debolezze a causa delle quali l’interesse collettivo è potenzialmente subordinato a quello personale”


“Non dobbiamo essere come una voragine che prende senza restituire, ma dobbiamo restituire ciò che ci è stato dato"

“Dobbiamo proteggere le risorse naturali, la sacralità della Natura, ma occorre proteggere anche la sacralità della vita interiore. In entrambi i casi, abbiamo risorse da rispettare”

 

“Quanto più espandiamo il senso della nostra appartenenza, tanto più aumentiamo la mappatura del mondo su di noi, e quindi le nostre capacità intellettive ed emotive”

Bibliografia

La prospettiva concettuale espressa nel corso è ispirata ad un vasto pensiero culturale e scientifico di cui si dà riscontro puntuale nelle note delle singole pagine del sito. Il materiale pubblicato proviene dal nostro volume "Le nostre scelte nella Rete della vita", di Bruno E. G. Fuoco, 2015.

Alcune opere di riferimento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non costituisce un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 | © Rights Reserved 2015 | retedellavita@gmail.com